Notizie


Il prof. Fabio Roli relatore invitato al Polo Sardegna dell'Accademia Nazionale dei Lincei, Cagliari, 26 Gennaio 2017

Il Prof. Fabio Roli sarà relatore invitato alla conferenza dal titolo: “Le macchine calcolatrici possono pensare? Miti, realtà, opportunità e rischi di un mondo dominato dagli algoritmi numerici”, che si terrà il 26 Gennaio 2017, dalle 16:00 alle 19:00 a Cagliari, presso l'Aula Magna della Facoltà Ingegneria e Architettura, Università di Cagliari. L'evento è organizzato dal Polo Sardegna dell'Accademia Nazionale dei Lincei all'interno di una serie di incontri formativi.

 

 


Usa la scienza con coscienza - contest artistico grafico/fotografico

Usa la scienza con coscienza è un concorso destinato agli studenti della scuola media superiore con l’obiettivo di sensibilizzare le giovani generazioni sul  tema della sicurezza Informatica e sulle tecnologie dell’intelligenza artificiale. Il concorso è organizzato dal PRA Lab dell’Università degli Studi di Cagliari.

Destinatari. Possono partecipare al concorso gli studenti di tutte le scuole secondarie di secondo grado della Sardegna.

Intelligenza artificiale, sicurezza e privacy. La grande disponibilità di dati prodotti dalle persone e dalle macchine calcolatrici (i così detti “big data”), unita alla crescente potenza dei calcolatori elettronici e degli algoritmi matematici, ha reso possibili applicazioni inimmaginabili nel secolo scorso, e che stavano ancora sulla carta delle riviste specializzate fino a dieci anni fa. Oggi assistiamo alla nascita di macchine che si comportano in modo che si potrebbe definire “intelligente”; autoveicoli a guida semi-automatica, traduttori da una lingua ad un’altra, algoritmi matematici che scrivono articoli di giornale per il grande pubblico che, in alcuni casi, non sono distinguibili da quelli scritti da un giornalista “umano”. Grandi vantaggi e benefici, ma non solo…I nostri dati sul web possono essere analizzati automaticamente per estrarne informazioni personali che vanno molto oltre quelle che intendevamo rendere pubbliche. La tecnologia ci semplifica la vita ma può anche essere un pericolo se non viene utilizzata con consapevolezza.

Intelligenza artificiale e arte. Alcuni ricercatori che si occupano d’intelligenza artificiale hanno sviluppato degli algoritmi in grado di creare immagini artistiche. Data un’immagine A e un’immagine B, questi algoritmi sono in grado di creare una nuova immagine che presenta gli oggetti dell’immagine A e lo stile dell’immagine B.

Il concorso.

Commissione esaminatrice. La commissione sarà formata da docenti e ricercatori del PRA Lab dell’Università degli Studi di Cagliari che valuteranno tutte le immagini sottomesse secondo i termini del concorso. Il giudizio della commissione è insindacabile.

Data di inizio del concorso: 01/05/2017
Data di scadenza: 31/05/2017

Premi
Primo classificato: targa; tazza sponsorizzata Pluribus One; iscrizione all’IEEE
Secondo classificato: targa; iscrizione ad AEIT; partecipazione ad un seminario tenuto da un prestigioso professore dell’IEEE per studenti dell’Università
Terzo classificato: targa; partecipazione ad un seminario tenuto da un prestigioso professore dell’IEEE per studenti dell’Università

Immagini vincitrici e relativi autori verranno annunciati e pubblicati sul sito del PRALab.

Organizzatori
Ambra Demontis, Matteo Mauri, Battista Biggio, Fabio Roli

Sponsor

La pagina è in costruzione, i dettagli sulla modalità di partecipazione al concorso e sulla modalità di invio degli elaborati saranno pubblicati prima della data di apertura delle sottomissioni (01/05/2017).

 

 

Entra nel vivo il progetto europeo FORC, avviato a Gennaio e coordinato dal PRA Lab. Rassegna stampa.

FORC (Pathway in Forensic Computing) è un progetto finanziato dalla Commissione Europea nell'ambito del programma ERASMUS+. Il progetto, coordinato dall’Università di Cagliari - PRA Lab, vedrà impegnati 8 partner nella costruzione di percorsi didattici innovativi nell’ambito dell’informatica forense in Università della Palestina e della Giordania. Il progetto coinvolge, oltre all’Università di Cagliari, le Università del Middlesex-UK e di Dublino-Irlanda (per quanto riguarda l’Europa), due università in Giordania (Jordan University e Princess Sumaya University for Technologydue) e tre partner palestinesi (le università Al-Quds University e  Palestine Technical University - Kadoorie; l'azienda Al Andalus Software Development - ASD). I partner europei elaboreranno, in accordo con i partner extraeuropei, 8 insegnamenti nel settore dell’informatica forense da erogare presso le università palestinesi e giordane (nelle seguenti aree: Digital Investigation, Issues in Criminal Justice, Digital Forensics, Ethical Hacking, Digital Evidence). Sono previste inoltre visite dei docenti europei presso le università palestinesi e giordane, analisi di casi di studio e svolgimento di alcuni progetti da parte di studenti palestinesi e giordani (da svolgersi in parte presso le università europee).
L’avvio di questo progetto coincide con l’iniziativa del Dipartimento delle Informazioni per la Sicurezza (DIS) dello stato che ha siglato lo scorso novembre un protocollo d’intesa con la conferenza dei rettori (CRUI) per stimolare lo sviluppo di attività didattiche legate alla sicurezza informatica a alle investigazioni in ambito informatico.
 
Rassegna stampa correlata all'avvio del progetto.

 

 

 

 

Battista Biggio nominato Associate Editor della rivista Pattern Recognition

Elsevier wordmark
Pattern Recognition

 

 

Alessandro Medda, Lorenzo Putzu, Mikel Zurutuza, i nuovi collaboratori del PRA Lab

 

     

Sono elencati sinteticamente gli interessi di ricerca al passaggio del mouse sopra le figure

 

 

Sessione speciale "Sparse Data Machine Learning for Domains in Multimedia" all'interno di CBMI 2017, 19-21 Giugno, Firenze - Call for papers

E' stata pubblicata la call for papers ufficiale della sessione speciale "Sparse Data Machine Learning for Domains in Multimedia" che si terrà all'interno del Workshop CBMI 2017- Content-Based Multimedia Indexing, Firenze (19 - 21 Giugno, 2017). Si riporta di seguito il testo del documento.

Sparse Data Machine Learning for Domains in Multimedia
Using multimedia in specific fields such as medicine or psychology is an emerging trend, which gives the multimedia community an opportunity to perform research that can have societal impact and help people. Nevertheless, these domains often come with some challenges. One of the biggest challenges is the availability of labeled data. In the area of medicine, there are some areas and diseases that are well covered, for example image and video data for polyp detection. Thus, even the well covered areas have, compared to other datasets, very little data. This fact makes it very challenging to apply machine learning methods and get meaningful results. Especially, the highly praised and used deep learning is very depending on a lot of good training data. Moreover, deep learning might not be the silver bullet for tackling every problem. With this special session, we want to emphasize that there are relevant and emerging topics that might not or are against the odds be solvable with deep learning and require a more open and broader point of view.

The scope of this session is machine learning in areas that come with a lack of data, such as medicine, addressing the challenges described in the motivation.

Examples for topic of interest are:
- Traditional machine learning vs Deep learning
- Machine Learning on small data
- Deep learning with small datasets
- Unsupervised machine learning
- Data creation
- Data annotation
- Knowledge transfer
- Areas with small multimedia datasets (for example medicine, psychology)
- Multimedia tools and applications in fields with lack of data (for example medicine, psychology)

More information about the conference can be found here.
For guidelines and submission procedure see Paper submission.

The CBMI proceedings are traditionally indexed and distributed by IEEE Xplore and ACM DL.
In addition, authors of the best papers of the conference will be invited to submit extended versions of their contributions to a special issue of Multimedia Tools and Applications journal (MTAP).

Important dates:
- Full/short paper submission deadline: February 28, 2017
- Notification of acceptance: April 10, 2017
- Camera-ready papers: April 21, 2017

Organizers:
- Konstantin Pogorelov - Simula Research Laboratory, Norway - konstantin(at)simula.no
- Duc-Tien Dang-Nguyen, Dublin City University, Ireland - (duc-tien.dang-nguyen(at)dcu.ie)
- Michael Riegler - Simula Research Laboratory, Norway - michael(at)simula.no
- Luca Piras, University of Cagliari, Italy (luca.piras(at)diee.unica.it)
- Paolo Rota - Vienna University of Technology, Austria - rota(at)caa.tuwien.ac.at
- Pål Halvorsen - Simula Research Laboratory, Norway - paalh(at)simula.no

 

 

ImageCLEF 2017 Lifelog Task, 11-14 Settembre, Dublino - Call for participation

La prima edizione del laboratorio ImageCLEF Lifelog Task, organizzato all'interno della conferenza CLEF 2017, si terrà a Dublino il prossimo settembre. Si riporta di seguito il testo integrale della Call for Participation per inviare contributi all'evento.

The availability of a large variety of personal devices, such as smartphones, video cameras as well as wearable devices that allow capturing pictures, videos, and audio clips in every moment of our life is creating vast archives of personal data where the totality of an individual's experiences, captured multi-modally through digital sensors are stored permanently as a personal multimedia archive. This unified digital records, commonly referred to as lifelogs, has been gathering increasing attention in recent years within the research community due to the need for systems that can automatically analyse this huge amounts of data in order to categorize, summarize and also query them to retrieve the information that the user may need.
Despite the increasing number of successful related workshops and panels in the last years lifelogging has seldom been the subject of a rigorous comparative benchmarking exercise. This task aims to bring the attention of lifelogging to an as wide as possible audience and to promote research into some of the key challenges of the coming years.
The task addresses the problems of lifelogging data retrieval and summarization and it is divided in two subtasks based on the same data of a large collection of wearable camera images, description of the semantic locations, and the physical activities of the lifeloggers.

The objective of the first subtask is to analyse the lifelog data and, according to several specific queries (e.g., Find the moment(s) when I was shopping for wine in a supermarket), to return the correct answers. The second subtask objective is the analysis of all the images in the dataset and the summarization of them according to specific requirements.

SubTask 1: Lifelog retrieval (LRT)
The participants should analyse the lifelog data and according to several specific queries they have to return the correct answers. For example:
Shopping for a Bottle of Wine: Find the moment(s) when I was shopping for wine in a supermarket.
Shopping For Fish: Find the moment(s) when I was shopping for fish in the supermarket.
The Metro: Find the moment(s) when I was riding a metro.

SubTask 2: Lifelog summarization (LST)
The participants should analyse all the images and summarize them according to specific requirements. The summary should be represented by 50 images, and it is required to be both relevant and diverse. All of the topics in this subtask will have more than 50 relevant images, so if the participants do not submit 50 images, it will be considered as an incorrect format result. The represented images are considered to be diverse if they depict different moments of the lifelogger in terms of activity, location, day-time, viewpoint, etc. of the queried topic. For example:
Public Transport: Summarize the use of public transport by a user.
The participant should recognize any different mean of transport depicted in the images of the dataset and if a particular mean of transport it is depicted in different day-time the participant should recognize this.

The participants will have a chance to submit a paper describing their system, which will be published in the CLEF Labs Working Notes. Furthermore, the groups of the best performing systems will be invited to give an oral presentation at CLEF 2017 and others will be given the option of presenting a poster.
For more details on the task please visit http://www.imageclef.org/2017/lifelog

Schedule:
14.11.2016: Registration opens.
14.11.2016: Development data release.
20.03.2017: Test data release.
01.05.2017: Deadline for submission of runs by the participants 11:59:59 PM GMT.
15.05.2017: Release of processed results by the task organizers.
26.05.2017: Deadline for submission of working notes papers by the participants 11:59:59 PM GMT.
17.06.2017: Notification of acceptance of the working notes papers.
01.07.2017: Camera ready working notes papers.
11.-14.09.2017: CLEF 2017, Dublin, Ireland.

Organizers:
- Duc-Tien Dang-Nguyen, Dublin City University, Ireland (duc-tien.dang-nguyen(at)dcu.ie)
- Luca Piras, University of Cagliari, Italy (luca.piras(at)diee.unica.it)
- Michael Riegler, University of Oslo, Norway (michaari(at)student.matnat.uio.no)
- Cathal Gurrin, Dublin City University, Ireland (cgurrin(at)computing.dcu.ie)
- Giulia Boato, University of Trento, Italy (giulia.boato(at)unitn.it)

 

 

Congratulazioni Battista Biggio, neo Assistant Professor

 

 

Seminario di Tecnologie biometriche per la sicurezza informatica, Gennaio/Febbraio 2017, registrazioni aperte.

Sono aperte le iscrizioni per l'edizione 2017 del Seminario di Tecnologie biometriche per la sicurezza informatica, tenuto dal Prof. Gian Luca Marcialis.

Tutte le lezioni si svolgeranno presso l'aula Mocci, Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica, secondo orientativamente tra Gennaio e Febbraio 2017 (calendario da definirsi).
Il seminario si propone di fornire allo studente una panoramica introduttiva alle tecnologie biometriche per il riconoscimento personale, illustrando i principali algoritmi per l’estrazione di “feature” ed il calcolo di un “punteggio” di similarità tra biometrie di soggetti differenti. Vengono poi dati cenni sulla biometria multimodale.
Relatori ospiti: Dott. Pietro Sanna (E-Gnosis, Biometria ed applicazioni di E-learning), Magg. Pietro Coli (Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche - Biometria e scienze forensi).
Crediti: 1 CFU (tesina) - 2 CFU (test finale).

 

 

Il prof. Fabio Roli relatore invitato alla "Winter School on Security and Privacy Issues in Biometrics" Abu Dhabi, 8-12 Gennaio 2017

Il Prof. Fabio Roli sarà relatore invitato alla “IEEE SPS Winter School on Security and Privacy Issues in Biometrics”, che si terrà dall'8 al 12 Gennaio 2017 ad Abu Dhabi. Il titolo del suo intervento sarà: Overview of Adversarial Biometric Recognition. Disponibile il programma completo della scuola.

Abstract della talk:
In this lecture, we review previous work on biometric security under a recent framework proposed in the field of adversarial machine learning. This allows us to highlight novel insights on the security of biometric systems when operating in the presence of intelligent and adaptive attackers that manipulate data to compromise normal system operation. We show how this framework enables the categorization of known and novel vulnerabilities of biometric recognition systems, along with the corresponding attacks, countermeasures, and defense mechanisms. The main goal of this lecture is to provide a gentle introduction to adversarial machine learning, and a well-structured review of the state of the art on biometric security, in light of the most recent findings in the area of adversarial machine learning.

 

 

GreenBit lancia una nuova famiglia di prodotti ed il nuovo software per la rilevazione di impronte finte sviluppato in collaborazione con l'unità Biometria del PRA Lab.

Green Bit presenta a nuova famiglia di prodotti DactyID e la nuova tecnologia “Fingerprint Anti-spoofing” sviluppato in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria elettronica dell’Università di Cagliari, PRA Lab, Unità Biometria.

Dal sito Green Bit:

Il nuovo prodotto DactyID20 è stato progettato considerando il crescente mercato delle transizioni digitali e degli e-services del settore bancario, commerciale, medico/farmacistico, etc. Il prodotto è dotato di caratteristiche di robustezza ed alta qualità (certificato FBI in corso di emissione) per applicazioni rivolte alla identificazione, autenticazione e registrazione degli utenti in questi settori di mercato.
Nel dettaglio il DactyID20 è uno scanner dotato di un sistema brevettato di identificazione delle impronte digitali false. E’ disponibile in due versioni: desktop e OEM (per la sua integrazione in sistemi complessi). Insieme al pacchetto software, DactyMatch offrirà la soluzione perfetta per una sicura identificazione digitale.
Per implementare la propria offerta di soluzioni software GreenBit rilascerà il nuovo add-on per il MultiScan_SDK: GBT_FFD_DIEE. Questa add-on potrà essere utilizzata sul prodotto di punta GreenBit, il DactyScan84c e non richiede alcun upgrade tecnologico o modifica hardware. Gli algoritmi sviluppati sono capaci di “imparare” durante l’utilizzo, aumentando la loro efficienza con il passare del tempo.

GreenBit sarà inoltre tra gli sponsor della quinta edizione della International Fingerprint Liveness Detection Competition (edizione precedente).

 

 

Special Session on Information Retrieval and Summarization from Lifelog Data (IRSLD) a ICPRAM 2017 - Call for papers

E' stata pubblicata la call for papers ufficiale della sessione speciale "Information Retrieval and Summarization from Lifelog Data" che si terrà all'interno della 6th International Conference on Pattern Recognition Applications and Methods - ICPRAM 2017, Porto, Portogallo (24 - 26 Febbraio 2017). Si riporta di seguito il testo del documento.

SCOPE
In the recent years, lifelogging and the management of personal digital data is rapidly becoming a mainstream research topic. With the rich data captured over a long period of time, heterogeneous digital lifelogs will require both advanced analytics tools that can provide insights into the activities of the individual, and  systems capable of managing large volumes of multimodal data. Many challenges await the scientific community from both ethical and technological viewpoints. Recently, several international competitions promoted research in the area by making publicly available datasets on which to test new approaches and techniques, at both NTCIR and ImageCLEF.
The aim of this special session is to draw together researchers involved in this new and challenging area. We seek contributions  that are either focused on learning and data analysis (e.g., active and adaptive learning, hypothesis generation, data managed techniques, combining classifier techniques, etc.) or focused on solving real world challenges (e.g., human behavior analysis, content-based multimedia retrieval, and many others). 

The main topics of interest include (although not limited to):
- Multimedia data analytics for lifelog data
- Search and retrieval from lifelogs
- User experiences of lifelog gathering and application
- Real-world applications of lifelogging
- Captology and behaviour change from personal data
- Egocentric vision and first-person camera vision analytics

SUBMISSIONS
Submission
: Papers should be double-blind, up to 8 pages long, including references, tables, graphs, images and appendices. Papers should be formatted using the SCITEPRESS template.

Acceptance: After review, qualifying papers may be accepted as either Full Papers or Short Papers.
Presentation: Papers classified as Full Papers will get a 30’ minutes slot for an oral presentation at the conference. Papers classified as Short Papers are given either a 20’ minutes slot for an oral presentation or assigned to present at a Poster Session. Authors who have been assigned an oral presentation, either Full or Short, may however also choose to present at a Poster Session instead, should they prefer it.
Publication: Papers classified as Full Papers will be assigned a 12-page limit in the Conference Proceedings, while papers classified as Short Papers have an 8-page limit. The total number of pages to consider is the number obtained after the paper has been correctly formatted according to the appropriate template (SCITEPRESS). The Conference Proceedings will be published under an ISBN number by SCITEPRESS and include final versions of all accepted papers, adjusted to satisfy reviewers’ recommendations. They will be published on paper and CD-ROM support, and made available for online consultation at the SCITEPRESS Digital Library. Online publication is exclusive to papers which have been both published and presented at the event.
Indexation: The proceedings will be submitted to Thomson Reuters Conference Proceedings Citation Index (ISI), INSPEC, DBLP, EI (Elsevier Index) and Scopus for indexation.

IMPORTANT DATES
Submission Deadline: December 14th, 2016
Authors Notification: December 23rd, 2016

Camera Ready and Registration: January 5th, 2017
ICPRAM Conference: February 24-26 , 2017

ORGANIZERS
Luca Piras
- University of Cagliari, Italy
Duc­ Tien Dang ­Nguyen - Dublin City University, Ireland
Michael Riegler - University of Oslo, Norway

Ulteriori dettagli presso il sito dedicato alla  Sessione speciale IRSLD e disponibili sul documento in formato PDF "CFP Flyer".

 

 

Il prof. Fabio Roli relatore invitato al workshop "The Human Use of Machine Learning", Venezia

Il Prof. Fabio Roli sarà relatore invitato a “HUML 2016 - The Human Use of Machine Learning: An Interdisciplinary Workshop”, che si terrà il 16 Dicembre 2016 presso l'European Centre for Living Technology, Venezia. Il titolo del suo intervento sarà: Some thoughts on safety of Machine Learning

Abstract della talk:
During the last forty years, machine learning research has been focused mainly on accuracy of algorithms, and occasionally on speed and scalability. Issues that are very important in mature engineering fields, like safety, reliability, testing, have been basically neglected. But something changed over the last five years. The rise of the machine learning paradigm based on “big data + deep learning + GPUs” and the market expectation of products for high-stakes applications, triggered the interest of academia, and the worries of stakeholders and media, on neglected issues, like the safety of a self-driving vehicle operating in an adversarial environment “out of its training set”. This talk does some reflections on the safety of modern machine learning, with a mention to a few issues related to safety, like liability and transparency of algorithms. We will use concepts and examples coming from recent works in computer science, dealing with safety of machine learning algorithms in hostile environments and against adversarial inputs, but keeping a language appropriate for an interdisciplinary audience.

 

 

Gian Luca Marcialis relatore invitato al "Biometric Training Workshop on Assessing the Vulnerability of Fingerprint Biometrics", Malesia

Il Prof. Gian Luca Marcialis sarà trainer e relatore invitato al “Biometric Training Workshop on Assessing the Vulnerability of Fingerprint Biometrics”, che si terrà dal 23 al 26 Novembre 2016 presso il CyberSecurity Training Lab dell'agenzia governativa malesiana CyberSecurity Malaysia.

Leggi anche:


 

 

Mansour Ahmadi al SPSM Workshop

Il 24 ottobre Mansour Ahmadi ha presentato il suo ultimo lavoro "Detecting Misuse of Google Cloud Messaging in Android Badware” scritto in collaborazione con B. Biggio, S. Artz, D. Ariu and G. Giacinto, al SPSM workshop, organizzato in collaborazione con ACM CCS, una delle più prestigiose conferenze sulla in computer security. La pubblicazione propone possibili migliorie nella detenzione di malware su dipositivi android attraverso l'analisi del servizio Google Cloud Messaging.

 

 

Offerte di lavoro - Sviluppatore software presso Yessoon

Offerta di lavoro per Software Developer (Intelligence Community Focus)

Yessoon ricerca sviluppatore software per startup con base in Sardegna. La figura richiesta si occuperà di sviluppare applicativi e progetti nell’ambito della ‘’comunità d’intelligence’’. Saranno considerate positivamente anche figure professionali che opereranno da remoto, nei limiti compatibili relativi all'organizzazione del carico di lavoro e alle scadenze progettuali.

Responsabilità:
La figura ricercata dovrà occuparsi, con l’ausilio degli altri membri del team, delle fasi di disegno progettazione e sviluppato di software specifici. Questo/a risorsa interagirà con il personale interno ed esterno al team selezionato per implementare e convalidare i prodotti offerti e predisporre soluzioni compatibili con il proprio mercato di riferimento e con il segmento clienti. La risorsa integrerà, alla scrittura primaria di codice, il lavoro degli altri membri del team relativamente alla predisposizione delle specifiche di progettazione come: diagrammi concettuali; flussi di processo; dati modelli; prototipi; progetti di interfaccia utente; casi d’uso; layout dello schermo; piani di test; piani di distribuzione; documentazione del sistema e occasionalmente documentazione utente e dimostrazioni di prodotti. Invece come parte integrante del team di sviluppo sosterrà il ciclo di vita completo dei software progettati, includerà soluzioni di fase, fornirà aggiornamenti e correzioni work in progress.

Requisiti:
* Esperienza professionale e/o tecnica dimostrabile (almeno base) negli ambiti seguenti: machine learning/data mining/knowledge discovery
* Conoscenza ed esperienza di sviluppo tools con i seguenti linguaggi di programmazione: Python, Perl, Ruby (almeno uno dei tre) e c#, Java, .net (plus)
* Esperienza con graphic user interface and data visitation tools
* Esperienza con la scrittura di query SQL e recupero elaborazione dati, è gradita esperienza lavorativa sulle metodologie di data mining con database relazionali quali Oracle, (PL/SQL), MySQL, Postgres e MS SQL Server
* Conoscenza del funzionamento dei web servizi e dei vari ambienti, formati e linguaggi (ad esempio Restful, APis, HTML, JavaScript, XML, KML, SOAP, NoSQL databases)
* Esperienza con diversi sistemi operativi come Unix, Linux, Windows, MacOS
* Conoscenza (almeno teorica) del mondo dell’intelligence e del suo operato e metodologie
* Conoscenza (almeno base) dei vari sistemi operativi per mobile e dei loro linguaggi (Android, IOS/Swift/C oggetto / C#, HTMLS ecc)
* Esperienza o familiarità con multi-treaded, big data, distribuzioni cloud architecture (come, ad esempio: Hadoop, MapReduce, Cloudera, Hive, Spark and Elastic Search for the purposes of conducting big data analytics)
* Inglese livello (almeno) buono (sia scritto che parlato)

Certificazione/formazione. Saranno valutati come preferenziali, a parità di competenze pratiche, i candidati con:
* BA/S in Computer Science or related field
* Development or ITIL certifications
* Experience Providing direct support within the intelligence community
* Knowledge of text processing such topic extraction, summarization, clustering, etc. (for example national language processing NLP; named entity recognition NER, entry retrieval - e.g. SOLR/Lucene)


Salario/Benefits:
* Da valutare con in candidato selezionato a seguito di verifiche sull’esperienza e professionalità del medesimo

Per proporsi inviare cv e lettera dettagliata di presentazione all’indirizzo di posta elettronica: studio@yessoon.it or pfurriolu@gmail.com

 

 

Il prof. Gian Luca Marcialis relatore invitato a “Biometria: tecniche, normativa e applicazioni”, 13-14-15 Settembre

Il Prof. Gian Luca Marcialis sarà relatore invitato a “Biometria: tecniche, normativa e applicazioni”, corso organizzato dal Consorzio Universitario di Pordenone e dall’azienda DataSecurity s.r.l. L'evento si terrà nei giorni 13-14-15 settembre 2016 a Pordenone presso i locali del Consorzio stesso. Il titolo dell’intervento sarà “Le frontiere della sicurezza informatica mediante riconoscimento dei tratti biometrici”.

 

 

Dal 5 settembre a Pula la quarta edizione della scuola internazionale Building Trust in the Information Age

Dal 5 al 9 Settembre 2014 si terrà la quarta edizione della scuola sulla sicurezza informatica e sulla privacy. Prenderanno parte a questo evento relatori di grande esperienza internazionale:

  • Aylin Caliskan-Islam, Princeton University, USA
  • Michel Van Eeten, Delft University of Technology, Netherlands
  • Lorenzo Cavallaro, Royal Holloway, University of London, UK
  • Fabian Yamaguchi, Technische Universität Braunschweig, Germany
  • Miguel P. Correia, Instituto Superior Técnico Lisboa, Portugal
  • Fabio Massacci, University of Trento, Italy
  • Enrico Frumento, CEFRIEL, Politecnico di Milano, Italy
  • Marco Morana, Head of Cybersecurity Strategy at Citi, USA
  • Matteo Meucci, Founder and President of the OWASP Italian Chapter
  • Battista Biggio, University of Cagliari, Italy

Programma e ulteriori informazioni sono disponibili sul sito della scuola.

Leggi anche:

Dal 5 settembre a Pula la quarta edizione del corso internazionale Building Trust in the Information Age - Ivo Cabiddu, Unicanews.

Hacker e criminalità informatica: al via la Summer school curata dagli specialisti dell’Università di Cagliari - Mario Frongia, Unicanews.

Summer school su hacker e criminalità informatica - Sardegnaoggi.it

 

 

Workshop conclusivo del progetto CyberROAD: "Future Challenges in Cyber Crime and Cyber Terrorism Research: the CyberROAD perspective"

Il 25 Maggio 2016, presso l'aula Magna della Facoltà di Ingegneria e Architettura dell'Università di Cagliari si è tenuto l'evento conclusivo del progetto CyberROAD.

Copertura mediatica:
 
Videointerviste:


Intervista al prof. Fabio Roli, a cura di Sergio Nuvoli
Disponibile anche su Facebook

 


Intervista al prof. Fabio Roli, a cura di Mario Frongia

Galleria immagini:

 

CyberROAD (Development of the Cybercrime and Cyber-terrorism Research Roadmap) è un progetto finanziato dalla Commissione Europea all'interno del Seventh Framework Programme. La costante crescita delle attività illecite nel mondo digitale sta impattando in maniera sempre più consistente sugli aspetti sociali, lavorativi, economici e quotidiani dei cittadini Europei, sebbene i livelli di allerta e sensibilizzazione intorno a questo tema siano gradualmente cresciuti negli ultimi anni. Tuttavia, accanto a motivazioni economiche, il Cybercrime nasconde spesso anche motivazioni ideologiche, politiche e sociali.

Con lo scopo di coordinare la lotta Europea nella ricerca contro cyber crime e cyber terrorism, il progetto CyberROAD ha identificato 19 temi di ricerca sui quali l'Europa dovrà in futuro concentrare le proprie risorse per incrementare sicurezza informatica e mitigazione dei rischi.
Il progetto, che ha come scopo finale la presentazione di una Roadmap strategica per la CyberSecurity, è stato condotto da un consorzio di 20 partner internazionali (tra Università, forze dell'ordine, enti governativi, istituti di ricerca pubblici e privati), in prima linea nella lotta a Cyber Crime e Cyber Terrorism.

 

 

Future Challenges in Cyber Crime and Cyber Terrorism Research: the CyberROAD perspective

Il 25 Maggio 2016, presso l'aula Magna della Facoltà di Ingegneria e Architettura dell'Università di Cagliari (Piazza d'Armi) si terrà l'evento conclusivo del progetto CyberROAD.

Per partecipare è richiesta la registrazione all'evento (form disponibile anche in fondo alla pagina).

CyberROAD (Development of the Cybercrime and Cyber-terrorism Research Roadmap) è un progetto finanziato dalla Commissione Europea all'interno del Seventh Framework Programme. La costante crescita delle attività illecite nel mondo digitale sta impattando in maniera sempre più consistente sugli aspetti sociali, lavorativi, economici e quotidiani dei cittadini Europei, sebbene i livelli di allerta e sensibilizzazione intorno a questo tema siano gradualmente cresciuti negli ultimi anni. Tuttavia, accanto a motivazioni economiche, il Cybercrime nasconde spesso anche motivazioni ideologiche, politiche e sociali.
Con lo scopo di coordinare la lotta Europea nella ricerca contro cyber crime e cyber terrorism, il progetto CyberROAD ha identificato 19 temi di ricerca sui quali l'Europa dovrà in futuro concentrare le proprie risorse per incrementare sicurezza informatica e mitigazione dei rischi.
Il progetto, che ha come scopo finale la presentazione di una Roadmap strategica per la CyberSecurity, è stato condotto da un consorzio di 20 partner internazionali (tra Università, forze dell'ordine, enti governativi, istituti di ricerca pubblici e privati), in prima linea nella lotta a Cyber Crime e Cyber Terrorism.



AGENDA DELL'EVENTO:

9:30-10:05: Caffè di benvenuto
10:05-10:55: Opening Remarks - The CyberROAD Project Experience (The CyberROAD project, Fabio Roli, Università di Cagliari; The CyberROAD roadmap, Enrico Frumento, CEFRIEL)
10:55-11:25: Selected Research Topics from CyberROAD: Cybercrime and Cyberterrorism Research Topics, Piotr Kijewski, NASK
11:25-11:55: Selected Research Topics from CyberROAD: Cybercrime and Cyberterrorism Research Topics, Jart Armin, CyberDefcon
11:55-12:25: The Joint CAMINO/COURAGE/CYBERROAD roadmap, Ben Brewster (CENTRIC - Sheffield Hallam University, COURAGE Project)
12:25-13:55: Pranzo di Networking
13:55-14:35: Cybersecurity needs in industry and industrial products, Michele Colaianni, Università di Modena e Reggio Emilia
14:35-15:05: The Assessment of Systematic Security Risk in Interdependent Systems, Jens Grossklags, Penn State University
15:05-15:15: Considerazioni finali



FORM DI REGISTRAZIONE:


CONTATTI:
davide.ariu@diee.unica.it
matteo.mauri@diee.unica.it

  

 

Pages